Esistono tante realtà quante se ne possono inventare, parafrasando questo aforisma di Oscar Wilde, possiamo affermare per introdurci al tema di questo lavoro che esistono tante paure quante se ne possono inventare.

La paura come patologia, infatti, è un mostro da noi inventato dal quale siamo poi spaventati e perseguitati, pertanto come non esistono limiti alla nostra fantasia non esistono limiti alla nostra capacità di inventarci paure, tuttavia, proprio in quanto nostra costruzione la paura patologica può essere da noi destrutturata e superata.

In forma metaforica, se nella mia mente io evoco un fantasma e poi scappo, questo mi inseguirà spaventandomi a morte; ma se, dopo averlo evocato non fuggo ma lo tocco, questo svanisce.

Giorgio Nardone, ritenuto uno dei massimi esponenti della Scuola di Palo Alto, nonché cofondatore del Centro di Terapia Strategica ad Arezzo, dichiara:
"La mia esperienza di terapeuta e ricercatore che da oltre 30 anni lavora sui disturbi fobici applicando con successo il frutto delle proprie ricerche, riguardo a sempre più rapide ed efficaci forme di terapia, mi spinge ad esprimere il frutto di tale prolungata esperienza poiché, leggendo la miriade di pubblicazioni divulgative, ho rilevato una enorme confusione sul tema e soprattutto, una serie di pericolose credenze divulgate".

Lo scopo di questo intervento, pertanto, è quello di chiarire al largo pubblico quali sono le forme di paura patologica, come queste si formano, come queste si mantengono e come queste possano essere risolte in tempi brevi.

× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies Accetto